il Cantastorie - Il Campanile Enna

Vai ai contenuti

Menu principale:

il Cantastorie

Chi siamo

Rocco Lombardo, autore dei testi,
e Luca Manuli, autore delle illustrazioni
ci presentano


CUNTASTORII A ENNA


U CUNTU  DA  MADONNA  DA VISITAZIONI  DI CASTRUGIUVANNI


Racconto in versi del leggendario acquisto della statua della Patrona

avvenuto secondo la tradizione a Venezia nel 1412

e della straordinaria protezione che da secoli la Vergine concede  Enna


Immaginate di essere in una piazzetta della Castrogiovanni di fine ‘800, un cuntastorii in compagnia di un paio di suonatori cunta e canta le vicende dell’antico acquisto della sacra statua effettuato da una delegazione di ennesi nel 1412 a Venezia secondo quanto tramandavano gli antichi abitanti della Città che in passato era stata considerata la patria della dea  Cerere.
I cantori si servono di un "cartellone" dove sono raffigurate le scene che descrivono in maniera realistica e vivace gli episodi  che ebbero a protagonista il venerato simulacro della Madonna della Visitazione, Patrona di Enna, dalla partenza dalla città lagunare fino a quella siciliana.
Il "cuntu" comprende una parte introduttiva ed una conclusiva ed espone l’argomento articolandolo in strofe al cui contenuto si ispirano i riquadri dipinti che rappresentano in successione le diverse fasi dell’evento raccontato e cantato.

1) l’incendio della statua di Cerere ordinato da re Martino che decide di acquistare una statua della Madonna destinata ad eliminare i residui dei culti pagani;
2) la partenza della delegazione di Ennesi per Venezia;
3) la difficile scelta e l’acquisto della statua:
4) l’invio per mare del simulacro e il suo fortunoso viaggio;
5) il naufragio e l’approdo a Messina;
6) il compimento dei miracoli;
7) la richiesta ai messinesi della statua e il suo invio a Enna su un carro trainato da bianchi buoi;    
8) l’arrivo alle falde della montagna e la sosta ostinata degli animali;
9) l’ inutile esortazione del clero, dei giurati e dei nobili;
10) l’intervento risolutivo dei "Nudi";
11) la collocazione della statua nel duomo e l’origine della festa;
12) la protezione della Vergine e aspetti peculiari del culto ennesi.




PARTE   INTRODUTTIVA

Cuntastorii

O bona genti di Castrugiuvanni
nesci di casa e vènimi a scutari;
viniti tutti ccà, carusi e ranni,
viniti tutti ccà chi v’ha cuntari
na storia succeduta di tant’anni
na storia chi vi fa maravigghiari
si aviti a menti lìbbira  d’inganni
e u cori prontu a crìdiri e spirari.

Vegnu ‘i luntanu e la me’ vita passu
cuntannu storii chini ‘i fantasia
e mentri cuntu a tutti quanti lassu
l’anima china ‘i paci e d’alligria.
Vegnu ‘i luntanu, e a tutti portu spassu
e un sunaturi mi fa compagnia
un sunaturi chi non fa fracassu
ma sona e canta cu gran valintìa.

Attenta, bona genti !
A storia chi cuntamu
è antica, antica assai
tantu chi nuddu ormai
sapi si vera fu.
E’ a storia da Madonna
Patrona i’ Castrujanni
chidda chi a tutti banni
miraculi nni fa!




PROLOGO


La ’stati u celu è limpidu
a  Enna e l’aria è fina
e u Re Martinu è solitu
stari cu la Riggina
‘nta stu paisi àutu
unni la genti pia
inveci di la Vergini
vènira na gran dia.



"Stu fattu  è ‘ntollirabili"
dici lu Re Martinu
"abbassu u paganesimu,
viva Gesù divinu!".
Così subitu subitu
ordina di bruciari
a statua da dia Cèriri
chi nuddu  cchiù ha adurari.


I

Doppu ch’u Re Martinu cumannau
chi Cèriri nun s’avi cchiù adurari
u populu di Enna si truvàu
senza n’un santu chi putìa prjari.
Ma puru a chistu ddu gran re pinzàu
ch’o populu di Enna ci avìa dari
‘na figura divina e urdinàu
‘na statua da Madonna di ‘ccattari.

Quattro du cetu nobili,
n’artista e tri parrini
manna lu Re a Vinezia
cu burzi d’oru chini
e di ‘ccattari ci ordina
cu tanta divozzioni
na statua di la Vergine
Maria dâ Visitazioni.





II

Quannu l’ambasceria
du Re Martinu
‘rriva a Vinezia doppu longa via
sùbbitu vidi un mastru supraffinu
chi pronta avìa
na statua di Maria
cu na facciuzza amabili
e u Bamminu
supra du brazzu rittu chi tinia.
La vesta era pittata d’oru finu
ed  era fatta tutta cû mastrìa.

L’artista cu li nobili
dicìdunu all’istanti
chi propriu chidda è a statua
chi cerca lu Rignanti:
o Rôe Martinu piàciri
ci po’ sicuramenti
e d’Enna tutti sudditi
saranno assai cuntenti.




III

Ma li parrini chi sannu  
lu Vangelu
non su’ d’accordu supra
dda figura
e tutti chini ‘i riliggiusu zelu
scunsìgghianu ‘i ‘ccattari
dda scultura.
Tutti lu sannu, supra a terra
e ‘n celu,
chi quannu la Madonna
cu primura
visita Elisabetta,
‘un è  un misteru,
purtava ancora in ventri
a so’ Criatura.

Discursu raggiunevuli
a chiddi chistu pari
perciò tutta Vinezia
si mèttunu a girari
ma nudda statua tròvanu
adatta a ddu cunsigghiu
e a ‘ccattari tòrnanu
la Matri cu lu Figghiu.


IV

Doppu ch’a pisu d’oru la pagaru
mèttunu a statua  
nta ‘na cascia  ‘i lignu,
poi la fannu firrari d’un firraru
e nto cummogghiu
ci mèttunu un signu.
Poi vannu ô portu
e ddà la carricaru
supra un vasceddu
chi crideru dignu
di traspurtari ddu tisoru raru
fina ‘n- Sicilia cu fideli ‘mpignu.

Mentri ch’a navi scìddica
veloci supra ô mari
iddi la strada pìgghianu
ch’a Roma l’ha purtari
chì di lu Papa pènzanu
di farsi dari ‘ràzzii
chi poi pòrtanu a Enna
tutti contenti e sazzii.



V

Nta stu frattempo a navi
avìa passatu
supra lu mari n’un gran
pezzu ‘i viaggiu
sempri tranquillu
e quasi avìa arrivatu
unni comincia l’ultimu passaggiu
ch’i naviganti sempri avi scantatu
pirchì lu mari ddà si fa sarvaggiu.
Puru  stavôta u mari è ‘nfuriatu
e ci fa fari a navi
un gran naufraggiu.

Vili, timuni e àlbiri
strazza e spezza lu ventu;
l’unni tuttu s’agghiùttunu,
nenti va a sarvamentu.
Sulu a cascia c’a Vergini
pi vuluntà divina
arriva salva e ‘ncòlumi
‘nto portu di Missina






VI

Comu chi dda timpesta avìa passatu,
nta rina i missinisi s’addunaru
da cascia chi lu mari avia jttatu
e curiusi ci s’avvicinaru.
Miraculu ch’abbinni! Nu sciancatu
caminò rittu e l’orbi, chi tuccaru
appena lu cummogghiu, spalancatu
lu munnu avanti all’occhi si truvaru!








Vulannu supra ê nùvuli
la nova arriva a Enna
e prestu si fa strepitu
attornu a sta vicenna.
La Vergini Santissima
Patruna è di l’ennisi
e a iddi ci la mànnanu
afflitti i missinisi.





VII

Si parti supra un carru di Missina
tiratu ‘i na parigghia di boi janchi
la statua di Maria chi camina
rapida comu un lampo e arriva  ê cianchi
da muntagna di Enna e s’avvicina
ê pedi du Casteddu ma ormai stanchi
sunnu li boi chi scòtunu la schina,
gìranu a cuda ma nun vannu avanti.








A cosa si fa seria
( tutti nni su’ cunvinti)
ma i boi non càminanu
mancu cu centu spinti.
Tutti i pàrrini scìnnunu
assemi a li jurati
ma i boi non si spòstanu
mancu cu li pitrati.

VIII

‘Nte campagni vicini i jurnatari
prjannu o Patreternu gluriusu
quasi nudi pinzavano a pisari
u ‘ranu cu travagghiu faticusu.
Quannu la fudda cominciò a ‘rrivari
s’addunaru i ddu fattu prudiggiusu:
di gran bottu fineru ‘i travagghiari
pi dari aiutu in modu ginirusu.

E appena vinni l’ultimu
di tutti ‘i jurnatari
i boi cu fari docili
pigghiàru a caminari
e senza fari storii
pòrtanu a la Matrici
a statua di la Vergini
chi tutti ‘i binidici.





IX

Supra l’altaru di dda crèsia  ‘ranni
misa è Maria di la Visitazioni;
sònanu li campani a tutti banni
e tutti quanti dìcunu ‘i ‘razzioni.
Avi la so’ Patrona Castrujanni
chi ci ricancia la gran divozzioni
scanzànnuci ogni sorta di malanni
e assicuranno sempri prutizzioni.


EPILOGO


Idda ci fa miraculi,
ci dugna paci e bbeni
e ci concedi  a ràzzia
di mai pruvari peni.
Perciò sempri lùdamula
la Vergini Maria
Patruna di lu Populu
di Enna e accussì sia.




Idda li nostri làstimi,
Matri piatusa e pia,
cunzola e chî so’ ràzzii
lu cori n’arricria;
dî tirrimoti lìbbira,
dâ pesti e caristia,
di Enna tuttu u populu
e d’ogni malatia.


Cu’  vôli aviri ‘razzii
ricurri unni Maria
e prestu li so’ lacrimi
su’ sciutti e non pinìa.
Perciò sempri lùdamula
la Vergini Maria
Riggina Putintissima
di Enna e accussì sia.


Perciò sempri lùdamula
cu ranni devozzioni
a Madonna di Enna
di la Visitazioni.
Perciò sempri prjàmula
la Vergini Maria
Patrona di lu Populu
di Enna e accussì sia.



©Rocco Lombardo

Torna ai contenuti | Torna al menu