La battaglia alla Falconara - Il Campanile Enna

Vai ai contenuti

Menu principale:

La battaglia alla Falconara

Storia di Enna

La fantastica storia degli Ennesi alla Falconara


Il 2 febbraio 1286 Giacomo, figlio di Pietro re d’Aragona, riceve in una Palermo in festa, la corona di re di Sicilia. Nel 1291, morendo Pietro, Giacomo diventa re  d’Aragona e svende la Sicilia, in cambio della Corsica e della Sardegna, agli Angioini, già cacciati dai Siciliani con la Guerra del Vespro.

Il Parlamento siciliano proclama suo re Federico, fratello minore di Giacomo,  figlio di Pietro e di Costanza Sveva. L’incoronazione di Federico, che volle prendere il nome di Federico III,  avvenne nel Duomo di Palermo il 25 marzo del 1296, giorno di Pasqua. E’grande festa per i siciliani, ed in effetti Federico, giovane d’anni, è maturo di senno ed erede di tutte le virtù dell’avo (Federico II).

Contro Federico ed i Siciliani si armano, sostenuti dal Papa, Giacomo con gli Angioini. Le flotte dei due fratelli si scontrano a Capo d’Orlando il 4 luglio 1299. Federico ne esce perdente e la guerra si sposta sul suolo siciliano. Catania per tradimento è occupata dagli Angioini, ma Federico non si sgomenta e lasciati al comando di Messina i fratelli Nicola e Damiano Polizzi, il 2 ottobre si riduce a Castrogiovanni.



Sito della Citta' di Castrogiovanni verso l'Aquilone

Donde vi e' la prima entrata chiamata Porta di Palermo,

donde entro' trionfante

il re Federico III dopo la vittoria di Falconara
(disegno di padre Giovanni cappuccino)



Paolo Vetri così scrive: “Quivi (a Castrogiovanni) non dominava l’elemento feudale , instabile, ambizioso e non mai sazio; quivi era ancora sentita la religione di Cerere, figura della civiltà, dea che respingeva lo spergiuro ed il delitto, quivi era innato quel sereno animo dei suoi antichi Sicani che furono i primi a ripopolarla; quivi, Federico, non avendo nulla da temere, poteva sorvegliare , provvedere ed accorrere; e da quivi Federico ed i siciliani seppero rivalersi del glorioso disastro di Capo d’Orlando con la splendida giornata della Falconara”

Il due dicembre infatti i due eserciti di Filippo d’Angiò  e di Federico si trovano di fronte nei campi della Falconara tra Trapani e Marsala. Allo sbarco degli Angioini a Trapani, Federico era partito senza perdere tempo, riuniti tutti i cittadini abili alle armi di Catrogiovanni, raccogliendo altri armati lungo la marcia verso Trapani.

I cittadini di Castrogiovanni furono i primi a seguire il re ed i primi ad entrare in azione, tanto che il sommo storico Amari descrivendo quella giornata cita: ”L’oste siciliana, era più forte di tanti animosi, ma senza disciplina, l’aiutava un po’ di gente catalana... Federico assegnò la destra ai cavalli di Giovanni Chiaramonte, Vinciguerra Polizzi, Matteo di Termini, Berardo di Queralto, Farinata degli Uberti, e coi fanti di Castrogiovanni … quest’ala entrò per prima in battaglia.”  

La battaglia fu vinta. Racconta Paolo Vetri : “ Così fu vinta la battaglia della Falconara, nella quale Castrogiovanni , per avere dato tutti i suoi figli atti alle armi, di fronte all’isola, vi fece la più bella mostra ; pel soverchiante  contingente, vi rappresentò la parte principale, la parte che obbligò gli storici a farne speciale menzione... Federico vittorioso, rientra là donde si era partito, in Castrogiovanni, ove soggiunge il Littara (storico della Sicilia) , fu accolto con somma universale allegrezza. Ed invero , egli che si era portato ad quella estrema prova, accompagnato dai palpiti e dalle speranze , e vi tornava trionfante della più grossa battaglia della guerra del Vespro, combattuta a campo aperto, è logica conseguenza che quel popolo che lo aveva amorevolmente raccolto nel suo seno dovea prorompere nella più entusiastica dimostrazione , per rendere omaggio ai suoi che avevano partecipato a quella vittoria la più completa, ed al suo re che amava”




I nobilissimi cittadini ennesi vestiti a festa per accogliere il loro re Federico III al ritorno dalla vittoria
(disegno di padre Giovanni cappuccino)

                       

  


                       

  


Torna ai contenuti | Torna al menu