Mater dolorosa 2016 - Il Campanile Enna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mater dolorosa 2016

Chi siamo > presentazione libri > eventi dante alighieri
post inserito il 23/03/2016, testo di Salvatore Presti (pubblicato su vivienna), foto e riprese di Federico Emma
Gruppo Teatro Studio
"IL LOGGIONE"

MATER DOLOROSA
(circannu a Cristu)

di Rocco Lombardo
18 marzo 2016
In scena “Mater Dolorosa” di Rocco Lombardo con la  regia di Salvatore Spedale

Aperto il sipario, accese le luci sul palcoscenico e diffuse le note dallo Stabat Mater di Rossini, in sala è sceso il silenzio assoluto. A catturare sin dall’inizio l’attenzione del numeroso pubblico è stata la scenografia, con gli oggetti della Passione sparsi sul palco, in parte allestita durante l’ascolto di bellissime musiche – scelte da Salvatore Spedale – che hanno creato quel pathos trasmesso anche dagli attori durante la recita. 
L’opera, a sfondo religioso e recitata in dialetto siciliano, è andata in scena lo scorso 18 marzo al Teatro Comunale “Garibaldi” di Enna, dal titolo “Mater dolorosa”, di Rocco Lombardo, allestita dal Gruppo Teatro Studio “Il Loggione” diretto da Salvatore Spedale. Gli spettatori sono stati coinvolti dal dramma della Madonna nell’affannosa ricerca di Gesù condannato alla morte in croce. L’azione scenica è stata immaginata lungo la strada che conduce al Golgota. 
Toccanti e d’intensa emotività sono stati i due quadri finali: l’incontro di Maria di Nazareth con la Veronica e quello con l’apostolo Giovanni, i cui ruoli sono stati interpretati da Lina La Porta, Ivana Antinoro e Maurizio La Rosa. Gli altri protagonisti: Franco La Paglia, Dora Milanesi e Piero Casalino nei panni rispettivamente di Barabba, de La Maddalena e di un Fabbro, sono stati affiancati da Rosaria Verdino e Cettina Salamone nei ruoli di due popolane
Dora Milanesi
Luigi Di Pasquali, Giuliana Bellante e Virginia Puglisi hanno dato voce al coro. Elia Nicosia, nell’impegnativo ruolo di Giuda Iscariota, ha completato il cast artistico, fornendo prova della sua versatilità di consumato attore. Di forte intensità emozionale è stata l’interpretazione di Lina La Porta nel ruolo della Madre Addolorata alla ricerca del suo figliolo Gesù, senz’altro una delle sue migliori performance.
Cettina Salamone
Apprezzata è stata la regia di Salvatore Spedale che ha trasmesso naturalezza e giusti ritmi agli attori protagonisti. I brani scelti di musiche immortali di Mozart, Verdi, Rossini e Mascagni, hanno fatto da colonna sonora alla rappresentazione storica, evidenziando il vissuto dei personaggi. Assistenti di scena Enrico Amaradio e Marco Lianzi. Apprezzati i costumi di Luca Manuli e le luci di Andrea D’Amico. Franco La Paglia ha curato la ricerca degli oggetti di scena. Lo spettacolo è stato introdotto da Mario Vaccaro. 
Lina La Porta
A fine rappresentazione gli attori sono stati accomunati da prolungati e scroscianti applausi. Sul proscenio sono stati chiamati per il meritato plauso il regista Salvatore Spedale e l’autore Rocco Lombardo, il quale, visibilmente commosso, nel ringraziare la Compagnia “Il Loggione”, ha voluto accanto a sé il presidente del Collegio dei Rettori delle Confraternite, Ferdinando Scillia, che ha caldeggiato e sponsorizzato la messa in scena dell’opera, inserita nel vasto programma delle manifestazioni della Settimana Santa Ennese. Lo spettacolo si è avvalso del patrocinio della Società Dante Alighieri, Comitato di Enna, presieduto dallo stesso Lombardo, e del Comune rappresentato in sala dall’assessore Paolo Di Venti.
Elia Nicosia e Franco La Paglia
Lina La Porta e Ivana Antinoro                                                                                                                                                                                        
 

Cettina Salamone e Rosaria Verdino
Frammenti dal testo e dallo spettacolo
MATER DOLOROSA
(Circannu a Cristu)
Testo di Rocco Lombardo
SIAE 53098

L’azione evoca l’affannosa ricerca che di Gesù, condannato alla morte in croce, la Madonna compie percorrendo la strada che conduce al Golgota. 
Proponendo l’immaginario incontro che la Mater Dolorosa fa con la Maddalena e Giuda, un fabbro e la Veronica, l’apostolo Giovanni e Barabba, si giunge a rappresentare accanto al dramma materno quello vissuto da questi personaggi, inseriti in una rappresentazione corale dove ognuno di loro è animato da sentimenti contrastanti da tutti sperimentabili. 
Essi, simbolo di tutta l’umanità (egoista, fragile, peccatrice…), testimoniano che col pentimento si può ottenere dal sacrificio di Cristo il riscatto da ogni colpa, attuando la sua la missione redentrice.

                            Hannu pigghiatu a Cristu stamatinu
      Chiddu ch’ a Lazzaru in vita ripurtàu
L’hannu affirratu a menzu di lu chianu
       Chiddu chi l’acqua in vinu nni canciàu
L’hannu attaccatu comu un malantrinu
        Chiddu ch’ a lebbra a tanti ci livàu.
 
‘Na canna longa ci hannu misu ‘n- manu
       Chiddu chi pani e pisci ammunziddàu
E  ‘n-coddu un mantu d’u cchiù scarsu linu
       Chiddu chi supra all’acqua caminàu
E spini pi curuna di suvranu
       Chiddu ch’i svinturati cunfurtàu.

Mi si cumpleta tuttu ‘u so’ distinu
      Chiddu ch’amuri e carità purtàu
Lu jnchèru  di botti sanu sanu
   Chiddu ch’i puvireddi cunzulàu
E lu trattaru comu n’assassinu
   Chiddu  chi paci e bbeni pridicàu.
 
Ci ‘mpuneru ‘na Cruci e nta stu chianu
      strascinànnula a stentu già passàu.
Quant’era u cori soi ‘i pirdunu  chinu
    a Maddalena e a  tutti ‘u dimustràu. 
  P’aviri quattru suddi nta li manu
     Giuda, l’infami, a morti lu mannau.
     Pigghiannu ‘u postu,  pòviru  mischinu,
        di Barabba a so’ pena s’accullàu.
CORO:              
Pi occhi avìa du’ pezzi di celu,
pi vavareddi du’ lucenti stiddi,
supra la frunti  di gran pena un velu
e ghiòmmari di sita pi capiddi.
Li so’ palori ci livàunu ‘u gelu
o cori di li ranni  e picciriddi;
ch’i so’ martìri i porti di lu Celu
a tutti nni japrìu, nigghi e cardiddi.


VOCE :
E ‘u tammùru chi sona di luntanu
A Maria ci ‘nzigna lu caminu;
dd’afflitta Matri gira pi lu chianu
circannu lu figghiuzzu soi divinu.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu