premio ethos - Il Campanile Enna

Vai ai contenuti

Menu principale:

premio ethos

Chi siamo > presentazione libri > eventi dante alighieri

Assegnato il “Premio Ethos Arte Cultura e Ricerca”
ai nostri due soci Anna Maria De Francisco e Salvatore Presti

Due nostri cari amici, soci del Comitato Dante Alighieri di Enna, Anna Maria De Francisco e Salvatore Presti, venerdì 22 agosto 2014, hanno ricevuto il “Premio Arte Cultura e Ricerca” istituito dall’associazione socio-culturale “Ethos” di Viagrande (CT) premio assegnato a personalità che con i loro studi e con la loro attività onorano la Sicilia in ogni settore della vita sociale.
I premi “Ethos – arte, cultura e ricerca” sono stati consegnati a sette personalità che si sono distinte nel campo delle lettere, della saggistica, della poesia, della musica, dell’associazionismo, del giornalismo e, comunque, in attività spiccatamente socio-culturali.
La cerimonia di consegna delle targhe si è svolta nei pressi della Pineta Pergusina, nella villa di Giuseppe Ferrante, ideatore del premio istituito dall’Associazione Ethos di Viagrande (CT).


Anna Maria De Francisco

giornalista e scrittrice, premio assegnato per la sua attività pubblicistica, letteraria e di ricerca.

Ha partecipato, oltre ai premiati con famigliari e ospiti, una rappresentanza di soci provenienti da Catania, capeggiati dal presidente e fondatore del sodalizio, l’ennese Augusto Lucchese, giornalista pubblicista, autore del saggio storico “Enna 1943 – ricordi di guerra”, di recente pubblicazione. Ha dato inizio alla serata Giuseppe Ferrante dicendo che il “Premio Ethos si propone, in modo fruttuoso ed esemplare, di riconoscere meriti ed eccellenze a coloro che si dedicano con speciale passione alla cultura e alla sua diffusione”. “I premiati di quest’anno – ha detto – sono simboli egregi di tali valori e ciascuno di essi dà un notevole contributo all’affermazione di essi”.


Salvatore Presti

pubblicista e scrittore, premio assegnato per la sua attività di ricerca di storia patria.

Queste le motivazioni del Premio:

Anna Maria De Francisco, affermata giornalista pubblicista, poetessa e saggista con opere che spaziano dalla letteratura per ragazzi al saggio “Nove decimi di umorismo” sullo scrittore Umberto Domina per finire con “Parole e storie dalla A alla Z”, quasi corretta metafora – è scritto nella motivazione – dei suoi poliedrici interessi che ne fanno una benemerita della cultura;

Salvatore Presti, pubblicista e saggista, noto collaboratore della nostra testata giornalistica, che nei suoi articoli descrive – con lo scrupolo del ricercatore – fatti, avvenimenti, costumi, tradizioni e personaggi dell’Enna del secolo scorso. La sua prosa, specie nel recente libro “Enna – il Filo della memoria”, è colorita e di piacevole lettura, da essa vien fuori l’amore, sanguigno e generoso, per la sua città.

L’associazione “Ethos” nasce nella ridente cittadina catanese nel mese di novembre del 1998. Fondata dall’ennese Augusto Lucchese (nella foto), giornalista e pubblicista, autore di saggi storici, catanese di adozione, presidente e animatore del sodalizio, svolge un’intensa attività divulgativa nel campo letterario e dell’informazione attraverso il sito “Ethosassociazione.com”.


Sono stati premiati inoltre altri tre ennesi:
Giuseppina Giliberto, operatrice sociale nel campo dell’associazionismo, che da due decenni, quale fondatrice e presidente dell’Associazione Fundrò, anima il dibattito culturale in città, contribuendo al costante arricchimento del patrimonio socio-culturale della comunità, della quale è una benemerita;
Liborio Scalone, esperto collezionista numismatico e cultore di studi storici e di ricerca scientifica sulla moneta, simbolo e segnale delle vicende umane nel tempo;
Luigi Svaluto Ferro, autore di poesie, sensibile cantore di versi molto toccanti;    


L'avvocato Giuseppe Ferrante (a sin)
con Augusto Lucchese

Due i catanesi premiati: Gianni Giuffrè, docente e preside emerito, poeta e letterato, dedito alle arti figurative e Alfio Patti, definito l’aedo dell’Etna, poeta, scrittore, cantautore, quasi un “unicum” nell’attuale panorama artistico isolano.


Torna ai contenuti | Torna al menu