presentazione Sorry di Salvatore Chiello - Il Campanile Enna

Vai ai contenuti

Menu principale:

presentazione Sorry di Salvatore Chiello

Chi siamo > presentazione libri > eventi dante alighieri


Dialogo con l'autore




Consuelo Cantaro
dialoga con Toto Chiello
autore di
Sorry


Leggono
Patrizia Fazzi e Cinzia Farina

La Dante Alighieri incontra lo scrittore Salvatore Chiello, autore del romanzo “Sorry”
       di Salvatore Presti          
post pubblicato il 9/2/20217
testo di Salvatore Presti, foto di Federico Emma
Un folto pubblico, colto e motivato, ha partecipato sabato 4 febbraio 2017 negli spazi della biblioteca “Hennaion” del CISI all’incontro con Salvatore Chiello, autore del romanzo “Sorry”, sua prima opera letteraria. Ha organizzato l’evento la Società Dante Alighieri, comitato di Enna, presieduto da Rocco Lombardo, storico dell’arte e nota personalità della cultura ennese, il quale, dopo i saluti di rito, ha esaltato il ruolo primario della Dante nel campo letterario. Ad introdurre nell’atmosfera del romanzo sono state alcune pagine del libro lette amabilmente da Patrizia Fazzi e da Cinzia Farina. Ha conversato con l’autore Consuelo Cantaro, la quale ha esordito dicendo che “Sorry è una storia coinvolgente, tra passato e presente, rivissuti e vissuti dalla protagonista, Carola, al ritorno dall’America. E’ un romanzo complesso la cui trama è un vero e proprio intreccio di vicende e di sentimenti in uno spazio surreale ed immaginario ma solare, aperto e mediterraneo.
Corre l’anno 1963 che fa da ‘fondale scenico’, come pure quello geografico, in un gioco di rimandi speculari tra presente e passato nella memoria e nel vissuto dei personaggi del romanzo. Il movimento multicentrico delle vite raccontate crea un groviglio di trame e di nomi analizzati sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista psicologico. Carola, giovane donna disinibita ed eccentrica, che ha vissuto gran parte dei suoi anni in America, rivede con occhi adulti i luoghi dell’infanzia presenti nella memoria bambina. Il ritorno ai luoghi natii diventa recupero del passato e, contemporaneamente, processo di rivelazioni, di verità nascoste alla coscienza: un discendere lento e a ritroso nella storia della famiglia, per poi risalire ed affiorare con rinnovata consapevolezza nel presente della protagonista”. Nel romanzo le rivelazioni seguono una trama di eventi ricostruiti sul filo della memoria e dell’ambiguità: “una linea non linea tra potere e delirio, tra realtà e sogno, tra verità e menzogna, tra sanità mentale e follia, tra principio e fine”.
Nella narrazione si percepisce un sottile gioco tra potere e sottomissione che divora uomini e cose, mentre oggi, aggiunge l’autore, “il potere si manifesta con la supremazia della finanza globale e con le multinazionali che condizionano tutto e tutti. Nel romanzo - ha inoltre evidenziato - ci sono tanti personaggi femminili che ruotano attorno a Carola; quelli maschili sembrano essere in penombra ma sono caratterialmente presenti nel racconto”. Un racconto che coinvolge una famiglia siciliana “in bilico tra un’aristocratica spregiudicatezza e il naturale conformismo richiesto dalla convivenza sociale”. I luoghi dove ruotano i personaggi sono quelli vissuti dall’autore fino agli anni ’60: “primo fra tutti – ha sottolineato Salvatore Chiello – Villa Ermosa, predominante con la sua oscura mole e il suo inquietante mistero, luogo e metafora di un potere innominabile. E’ una storia - ha concluso - in cui le contraddizioni non si sciolgono, dove ciascun personaggio cerca il suo ‘autore’, il suo posto, il suo senso”.
Tra le pagine del romanzo, un sottilissimo filo conduttore filosofico sembra legare il gioco delle parti e degli avvenimenti raccontati. Ad inizio serata, a salutare l’autore, la relatrice, le lettrici, il presidente e i soci della Dante e tutti gli intervenuti nella “casa” degli Autori ennesi, è stato Mario Messina, il quale si è detto disponibile ad ospitare altri eventi culturali. Rocco Lombardo, presidente del Comitato della “Dante”, dal canto suo si è complimentato con l’autore per il romanzo e ha avuto parole di ringraziamento per Consuelo Cantaro, socia e componente del direttivo de “La Dante” di Enna per aver dato la sua disponibilità a presentare il volume. Ha annunciato altre iniziative del Comitato ennese, tra le quali, le più significative, una visita guidata all’interno della chiesa di San Michele con il FAI, dopo i recenti restauri, e il riordino dell’archivio storico del Duomo. Il libro, EUNO edizioni, inserito nella collana “Tòpoi - Storie intorno a noi”, uscito nel mese di novembre 2016, euro 20 per 368 pagine, è in distribuzione a Enna e sul sito della casa editrice. Nelle altre città d’Italia e in tutte le librerie on line sarà presente a partire dal prossimo mese di marzo.

Consuelo Cantaro e Totò Chiello

Cinzia Farina

Patrizia Fazzi

Torna ai contenuti | Torna al menu