Settimana federiciana 2015 - Il Campanile Enna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Settimana federiciana 2015

Chi siamo > presentazione libri > Settimana federiciana > settimana federiciana 2015
Post inserito il 16 maggio 2015. Testi riadattati dai comunicati stampa di Mariangela Vacanti, foto di Federico Emma e Paolo Mingrino. 
<
 
>

Anche quest'anno Enna ha rivissuto la sua gloriosa stagione medievale
 
Dal  4  fino all' 11 maggio 2015, giochi, fiere ed eventi culturali si sono susseguiti nella maratona della Settimana federiciana dedicata a “Federico II e il sogno europeo”, organizzata dalla Casa d’Europa presieduta da Cettina Rosso, in collaborazione con il Comune di Enna.
Lunedì 4 maggio  nei rioni di San Pietro e del Salvatore sono state disputate le prime gare del Palio dei quartieri: “a caminata cu l’uvu” (camminata con l’uovo) e “a caminata ‘ncapu i petri” (camminata sopra le pietre). A essere coinvolte sono ben otto squadre: San Pitru, Sarbaturi, Beddivirdi, Funnurisi, U Pupulu, Sant’Agustinu, A Chiazza e San Tumasi
Quest’anno per la prima volta i giochi sono stati aperti anche ai diversamente abili, grazie alla collaborazione con l’associazione La Contea e ai volontari dell’Avis. 






Tantissimi gli eventi culturali che hanno costellato l’intera settimana.
  • Mercoledì 6 maggio alla Torre di Federico il concerto “Il tempo e la voce”, ispirato a testi della Scuola poetica siciliana, con i musicisti Enrico Coppola e Giuseppe Di Bella. 
  • Giovedì 7, in galleria civica il Centro studi “Federico II di Svevia” ha presentato il seminario “Federico II e il potere”, all’interno del quale l’attrice Elisa Di Dio ha proposto lo spettacolo “Federico II visto da Andrea Cammilleri”. 
  • Venerdì 8 al teatro Garibaldi il “Musical Show” dell’Accademia internazionale del musical, con raccolta fondi pro Emergency. 
  • Sabato 9 al teatro Garibaldi, il Premio Europa “Edoardo Fontanazza” dedicato alla scuole, una lunga carrellata di premiazioni, momenti musicali e teatrali. e in Galleria civica il seminario “Enna, una città in armi, architetture e comunità dall’antichità ad oggi”, a cura del gruppo storico medievale di Enna. 
  • Sempre sabato, al teatro Garibaldi, è stato conferito il Premio per l’Europa “Federico II” a Marco Pannella “per l’impegno profuso nella difesa dell'idea di Europa come "comunità di destino", per avere con la sua instancabile attività ricercato la tutela dei Diritti e per il coraggio con cui ha condotto le sue battaglie civili”. 
  • Lunedì 11, nella facoltà di Scienze economiche e giuridiche dell’università Kore, è stato realizzato il seminario “Dall’unione monetaria all’unione politica: una lettura critica della crisi finanziaria fino alla necessità di una nuova governance europea”, in sala Cerere la presentazione del libro di Luigi Prestipino “Enna. Una microstoria del XX secolo – Volume II”, e, a chiusura, al teatro Garibaldi concerto “L’Arte salva l’Arte”, promosso dal Comitato Pro Enna per la raccolta fondi per la riapertura del museo Alessi. 
  • Dal 4 al 10 maggio, inoltre, in Galleria civica è stata ospitata la mostra fotografica “La Settimana federiciana” a cura della Casa d’Europa e la mostra “Castelli e Castellane di Sicilia”, di opere in china e i disegni a matita degli artisti siracusani Aurelio Caliri e Maria Concetta Leone, allestimenti curati con la collaborazione dell’Archivio storico comunale diretto da Cettina Fontanazza.  





Il 6 maggio la prima rievocazione storica della manifestazione

Nel quartiere Fundrisi si è messo in scena l’Arrivo di Federico II e la consegna delle chiavi della città. Il giovane studente e cantante Mario Mantegna, per la prima volta nei panni dell’imperatore, affiancato da Federica Di Mattia nel ruolo della sua prima consorte, la regina Costanza d’Aragona, e dai suoi cortigiani con cavalli e arcieri è giunto in corteo dalla Porta di Janniscuri alla chiesa di San Bartolomeo. Nella rievocazione sono stati impegnati l’associazione Fundrò, i cavalieri dello Sperone e il Gruppo storico medievale di Enna, assieme ai bambini di “Ars Saltandi”, delle quarte elementari della scuola Santa Chiara. All'arrivo in chiesa l’omaggio alla Madonna da parte di Federico II con una riflessione del parroco don Giacomo Zangara e la partecipazione della confraternita dello Spirito Santo retta da Michele Cappa. L’intera rievocazione è stata realizzata con la consulenza dello storico dell’arte Rocco Lombardo.
E' seguito lo spettacolo “La sposa normanna”, allestito all’aperto nella piazza antistante la chiesa dal Gruppo teatro studio Il Loggione. Il testo di Mariano Lanza, ispirato alla storia di Costanza d’Altavilla (madre di Federico II), sarà interpretato con abiti d’epoca da Ivana Antinoro, Dora Milanesi, Luigi Di Pasquale, Franco La Paglia e Rosaria Verdino per la regia di Salvatore Spedale.







Grande festa popolare per la rievocazione dell'arrivo, attraverso la Porta di Ianniscuro, a Castrogiovanni  dell'imperatore Federico II e della sua corte.




Danze a cura di Igor Mazzei, Barbara Perna e l'Officina Medievale

Lo spettacolo “La sposa normanna”, allestito all’aperto nella piazza antistante la chiesa dal Gruppo teatro studio Il Loggione. Il testo di Mariano Lanza, ispirato alla storia di Costanza d’Altavilla (madre di Federico II), è stato interpretato con abiti d’epoca da Ivana Antinoro, Dora Milanesi, Luigi Di Pasquale, Franco La Paglia e Rosaria Verdino per la regia di Salvatore Spedale. 


Il Mangiatore di fuoco


 
Conferito a Marco Pannella il Premio per l’Europa “Federico II”

Il nove maggio giornata della Festa dell’Europa, la cerimonia più importante della Settimana federiciana ennese, giunta alla sua nona edizione, conferito a Marco Pannella il Premio per l'Europa "Federico II°". 

La motivazione del premio recita: «Settant'anni fa dal Manifesto di Ventotene nasceva l'idea di un'Europa libera e unita. Per oltre sette decenni l'Unione e i suoi membri hanno contribuito ad assicurare la riconciliazione tra i popoli, la democrazia e i diritti umani, trasformando gran parte dell’Europa da un continente di guerra in un continente di pace. Per l’impegno profuso nella difesa dell'idea di Europa come "comunità di destino" e "luogo provilegiato della speranza", per avere con la sua instancabile attività ricercato la tutela dei diritti e per il coraggio con cui ha condotto le sue battaglie civili, a Marco Pannella il Premio per l’Europa “Federico II” 2015».


Il Premio per l’Europa “Federico II” taglia così il traguardo della sua ottava edizione. Indetto dalla Casa d’Europa, presieduta da Cettina Rosso, è il terzo premio di respiro internazionale che coglie la propria ragione nelle radici storiche del Vecchio Continente, dopo i premi “Carlo Magno” in Germania e “Robert Schuman” in Francia. 




Fin dalla sua istituzione, il premio “Federico II” è stato conferito a personalità impegnate a favore dell’Europa unita, come il cardinale Paul Poupard (2008), lo scrittore Predrag Matvejevic (2009), al rettore della Iulm Giovanni Puglisi (2010), al presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi (2011), al presidente del Consiglio italiano del Movimento europeo Pier Virgilio Dastoli (2012), al presidente della Fondazione “Nuovo Mezzogiorno” Salvo Andò (2013), e al presidente ad interim del Parlamento europeo Gianni Pittella (2014).


Le scuole protagoniste della Festa dell’Europa:
Premio Europa “Edoardo Fontanazza”

Maria Renna, coordinatrice del progetto scuole all’interno della Settimana federiciana ennese e referente della Commissione Scuola presieduta da Rocco Lombardo, ha condotto la mattinata affiancata da Marzia Avanzato segretaria giovani federalisti europei. 
Per i percorsi sul tema "Federico II: poliedrico interprete del dialogo interculturale in terra di Sicilia crocevia di civiltà nel Mediterraneo" il primo premio  pari merito è andato all’Istituto Neglia e al liceo linguistico. 
Menzione speciale all’Istituto comprensivo Santa Chiara, alle classi II A e II C della scuola media.
Durante la mattina, il gruppo Ars Saltandi, composto dagli alunni delle quarte classi elementari della scuola Santa Chiara, ha presentato una danza medievale di corte, mentre gli alunni della sezione musicale dell’istituto De Amicis hanno curato un intermezzo musicale diretti da Lucio Giunta. Canti e le danze della sezione junior dell'Accademia della ricerca del folklore Kore di Antonella Castagna e l'adattamento teatrale di Elisa Di Dio della “Intervista impossibile” di Andrea Camilleri a Federico II, portato in scena dagli alunni della IV classe dell'istituto alberghiero “Federico II”.

Riproduzione della corona di Costanza del Liceo Artistico regionale "L.e M. Cascio" di Enna
Palio dei Quartieri vinto da U Pupulu

Rione di Santa Maria del Popolo in festa per la vittoria della squadra U Pupulu al Palio dei Quartieri 2015. Per il team retto da Armando Schillaci è il terzo podio conquistato “con fatica e passione”, come tengono a precisare i suoi ragazzi.
A fare festa riempiendo di gonfaloni bordeaux e azzurro (i due colori de U Pupulu) l’intero rione sono i 13 giocatori, gli otto tamburini e i sei sbandieratori che fanno parte del gruppo allenato da Sebastiano Marasà e coordinato da Paolo Mingrino.

La squadra venerdì ha fatto festa a Santa Maria del Popolo fino a tarda notte, con esplosioni di esultanza e ritmi di tamburi, come si fa per un campionato di calcio. Ha consegnato il premio il maestro ceramista Lucio Ronca (su invito della Cna e del restauratore Angelo Scalzo) in piazza Duomo, al termine del Corteo storico. Un quadro in ceramica 70 per 70, dal valore di 7.000 euro che ha realizzato in esclusiva per il Palio dei quartieri e che verrà donato al Comune di Enna.
LA CLASSIFICA FINALE DEL PALIO DEI QUARTIERI 2015
U Pupulu 13 punti
Sant’Agustinu 11 punti
Beddivirdi 9 punti
Sarbaturi 6 punti
San Pitru 4 punti
I Funnurisi 3 punti
A Chiazza 3 punti
San Tumasi 1 punto 
10 maggio 2015 

Campionato nazionale
di arco storico



Il corteo storico con oltre 300 figuranti


Torna ai contenuti | Torna al menu