Vincenzo Bruno, pittore - Il Campanile Enna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Vincenzo Bruno, pittore

Storia di Enna > Gente d'arte

Bruno Vincenzo è nato a Enna nel 1943.

Ha lavorato come geometra, tra i suoi numerosi progetti vi è anche quello della Chiesa Evangelica di Enna Bassa e come insegnante presso L' E.C.A.P. di Enna.

Notevole pittore, ha ottenuto vari attestati ed un diploma ad onore come " Maestro d'Arte ", dall'Istituto d'Arte di Enna nel 1965.

Alcune sue opere sono: il Beato Angelo Lo Musico da Caltagirone e Padre Antonio Vacirca da Chiaramonte Gulfi che si trovano nella Chiesa di Montesalvo di Enna;

il Beato Simone Napoli, Fra Feliciano Monaco, Padre Benedetto Barbusca che si trovano nel convento dei Cappuccini a Calascibetta.

Nel luglio del 2012, anno della sua morte, per volontà dei figli,
"il Campanile" ha curato la pubblicazione della raccolta di poesie e racconti "Le voci del cuore".



Di Vincenzo Bruno pubblichiamo la poesia "Disiu di miscredenti"  riflessione  personale durante la processione del 2 luglio, ed alcune delle opere pittoriche esposte in alcune chiese della provincia di Enna e in collezioni private.

__________________________________________________________________________________________________________________________


Disiu di miscridenti


L'urtima fedda di suli si cala e s'astuta.
S'addumunu li luci di la festa
e la chiazza s'allegra di vuci e culura.

La fudda comu l'acqua di lu jumi
c'avissi du' surgenti opposti
va e veni ppi la strata lluminata
e si iunci, s'ammisca, s'attraversa,
e arriva adasciu adasciu a la surgenti
ppi turnari n'atra vota ne la mischia.

Miricanella e simenza scurciata
dalla manu di lu picciottu
ne la manu di la nnammurata.
Bibiti, cafè, turruna e gilati
ncapu li tavulinetta ammunziddati
formanu la scusa ca lu zitu
di la zita assapura focu e pinseri.

E li vicchiareddi e li malati
guardanu lu firmamentu
e aspettanu lu focu d'artificiu
davanti la finestra affacciati.

V.Bruno
autoritratto da giovane

D'un corpu lu silenziu.
L'ura veni e sfila composta e muta
ccu li tunichi, li ccappucci e tanti oggetti
ca fanu lenta e sulenni la parata.
Poi si senti la banna ca sona
cchiù forti e gaia mentri s'avvicina
e quannu già si vidi li mascuna
ntronanu l'aria e la pirsuna.

Li cunfrati sutta la vara scazi e sudati
gridanu grida di gioia e lu duluri
nun sentunu, ma si guardanu li pedi,
ca la Madonna c'anu supra
sutta cci asciuca sangu e sudura.

Il castello di Lombardia

Occhi ca si calanu, occhi ca s'acchiananu,
occhi ca ridunu, occhi ca chiangiunu,
occhi ca nun vidunu ca ccu l'occhi di lu cori.
Cori ca suspiranu, cori ca ringrazianu
e tuttu si fa splinnenti e bellu
comu di la Vergini lu mantellu.

Sulu e cunfusu rimira scunsulatu
lu me cori 'sta visioni comu 'na cannila
ca spunta e s'ammuccia tra li rami
di n'arbulu ca scuru si cunfunni
ccu lu scuru di lu cielu e scumpari.

E da cannila nun è cannila,
ma focu di ncendiu pruvucatu
e ddi mascuna nun sù mascuna,
ma bummi e spari di cannuna.

La figlia Olga

E lu baccanu nun è d'alligria,
ma chiantu e lamenti di surdati,
d'armuzzi nnuccenti, di matri addulurati,
ca vonu dari 'na viccia di pani, un sonu d'affettu,
ma nun c'è jatu nne la vucca, nun c'è latti nne lu pettu.

Genti ca luntanu felici passiati,
ristati nne la paci, unni siti, e cantati.
Genti ca davanti a mia dispirati
subiti la guerra, viniti!
Scazi e nudi viniti
e macari ca comu a mia nun criditii
sutta la vara di Maria li vostri peni
siminati e vidiiti li lacrimi,
li chiaghi e li firiti asciucati.

Una nipotina,

Fra Feliciano,
Convento Cappuccini
Calascibetta

Padre Antonio Vacirca
convento di Montesalvo

Beato Angelo Lo Musico
Enna,
convento di Montesalvo

Torna ai contenuti | Torna al menu